Una bottega, un servizio d’altri tempi, un prodotto a proprio marchio e uno shop online. Ha una storia di oltre 110 anni l’Antica Barbieria Colla e, a Milano, a pochi passi dalla Scala, conserva il fascino retrò della bottega avviata nel 1904 da Dino Colla e in seguito condotta da Franco Bompieri, che vi lavora dagli anni ‘60. Come vuole la tradizione del suo fondatore, il servizio è completamente manuale, in cui la rasatura è seguita dal panno caldo e dall’uso di prodotti specificamente concepiti, secondo una sequenza di più passaggi, a scandire un rituale lungo e lento quanto attento al benessere e alla soddisfazione del cliente. Il tempo è uno dei pilastri su cui si fonda il servizio, e il successo, di questa barbieria, rifugio in cui da sempre anche molti personaggi pubblici trovano una pausa dalla frenesia degli impegni. L’altro pilastro sono i prodotti, con formule originali, create da Colla prima e da Bompieri dopo, prodotte artigianalmente, che da alcuni anni sono state lanciate sul mercato grazie allo shop online. Ce lo racconta Francesca Bompieri, figlia di Franco e che affianca ormai il padre nella gestione della Barbieria, che ha inaugurato il negozio virtuale nel 2013 per portare in tutto il mondo quella tradizione della cura maschile ancora viva nella bottega milanese.

Perché una linea cosmetica Antica Barbieria Colla?
Quella di sviluppare e rendere disponibile a un pubblico più ampio, di consumatori e professionisti, la linea di prodotti da sempre usati in negozio è stata un’idea che mio padre coltivava da molto tempo, ma inizialmente non riuscivamo a trovare il partner giusto che realizzasse i prodotti secondo le esatte formule provate da tanti anni di esperienza e soddisfazione dei nostri clienti. Con l’avvio dell’e-commerce siamo usciti dalle mura della barbieria. Da qualche anno, infatti, rileviamo parecchia richiesta del cliente finale riguardo a questo settore. I prodotti, che negli anni mio padre ha messo a punto insieme alla nostra produzione, hanno una funzione non solo estetica ma soprattutto di preservare il benessere di barba e capelli. Quando abbiamo preso la decisione portarli sul mercato mancava del tutto il confezionamento, perché fino ad allora i nostri prodotti erano di uso esclusivo per i servizi della barbieria. Ho creato personalmente le presentazioni e il design del packaging, rivolgendo al business familiare la mia professione di grafica. Tra i materiali, la scelta è ricaduta sul vetro per dopobarba e lozioni e sull’alluminio per le cere.

Che tipo di distribuzione avete scelto?
Oltre all’e-commerce, che in questi primi anni inizia a consolidarsi anche in termini di riconoscibilità del marchio, abbiamo optato per una distribuzione in punti vendita selezionati: dalle profumerie di nicchia alle coltellerie, ma anche men’s boutique e concept store. Inoltre, le linee sono vendute anche ai barbieri, per l’utilizzo nei loro servizi oppure da rivendere ai clienti. È una distribuzione che stiamo costruendo nel tempo, selezionando i rivenditori con molta cura.

Francesca Bompieri.

Secondo quali criteri individuate i rivenditori?
C’è una cultura della bottega che ci è propria ed è coerente con il nostro marchio, per questo ci interessa essere presenti dai barbieri e in piccoli esercizi specializzati come le coltellerie. Fra i concept store sono interessanti quelli che si presentano con un’offerta ricercata di accessori di tendenza. Un criterio decisivo è anche la competenza del personale di vendita, fondamentale per un prodotto come il nostro, che deve sempre essere spiegato. Ci siamo resi conto che quelli che sono best seller nel nostro negozio hanno talvolta vendite modeste presso i rivenditori, proprio perché manca la parte dell’esperienza e della comunicazione. Per questo diamo sempre la possibilità di formare gli addetti alla vendita. In queste occasioni di formazione spieghiamo il prodotto, come è fatto e perché, quali sono le sue funzioni, come si usa ecc., proprio perché queste informazioni siano adeguatamente trasmesse al consumatore. Questo perché le scelte che abbiamo fatto per il nostro prodotto, al fine di rispettare il benessere della cute e dei capelli, sono spesso in controtendenza rispetto alle performance dei prodotti convenzionali. Per esempio, oggi le cere per baffi hanno durata prolungata, che assicura la tenuta per tutto il giorno. La nostra invece è strutturata per cercare un bilanciamento tra la funzione fissativa e quella nutritiva e per questo ha una tenuta di qualche ora. Questo per impedire che il baffo, perdendo idratazione a causa di un fissativo troppo aggressivo, debba essere tagliato dopo qualche settimana.

Cosa cerca il cliente in una bottega, oggi?
In generale, cerca la qualità. Chi viene da noi, inoltre, vuole un servizio di un certo tipo, che corrisponda alla tradizione della barbieria. La richiesta è la cura, che da noi parte dai prodotti che utilizziamo, che mettono al centro il rispetto di barba e capelli. Oggi i servizi di barbieria sono di moda, è un settore in espansione, ci sono molti barbieri bravi e tutti attenti al servizio. La tendenza di adesso è però usare i rasoi e tagliacapelli elettrici, si usano molto pomate e gel, prodotti di styling che rischiano di stressare il capello. Se il cliente ama questi prodotti, anche noi applichiamo gel e cera, ma sempre utilizzando prodotti delicati, spesso a base acquosa, che si tolgano facilmente, evitando prodotti troppo persistenti che possono compromettere la fisiologica traspirazione. Questo tipo di attenzione non sfugge all’utente affezionato, mentre il cliente occasionale, che frequenta la barbieria per curiosità, potrebbe addirittura non essere soddisfatto. Tutti cercano la qualità, ma ognuno ha una propria idea di qualità, la concezione cambia da persona a persona. D’altra parte il mondo è cambiato.

Intende dire con la crisi?
Non è solo una questione economica, ma di sensibilità. Per esempio piace la velocità, nel servizio e nel conseguire il risultato quando si intraprende un trattamento. Nessun trattamento, tuttavia, dà risultati alla prima applicazione. Serve continuità, ma il fatto di tornare periodicamente non è sempre nelle corde del consumatore. Noi siamo lenti, e proprio questo è il modo di lavorare che ci caratterizza e a cui siamo e resteremo fedeli. Ma tutto deve essere riletto nella chiave del 2017.

In che modo vi siete aperti al mondo contemporaneo pur restando coerenti con il servizio tradizionale?
La nostra chiave è il prodotto. Le formule e i protocolli di cura dell’Antica Barbieria Colla rimangono quelli di sempre, ma escono dal negozio attraverso l’e-commerce e la nostra rete distributiva, per incontrare una utenza maschile che desidera curarsi di più, spiegando a questi consumatori il nostro modo di farlo.

LA LINEA COSMETICA ANTICA BARBIERIA COLLA

«Siamo partiti dai prodotti da sempre in uso nella barbieria, lozioni per barba e capelli, shampoo, balsami, dopobarba, cere per barbe e per baffi realizzati con ingredienti artigianali e ideati per dare alla pelle e al capello la massima protezione e benessere prima, durante e dopo il servizio – spiega Francesca Bompieri. -Fra questi ci sono i best seller del negozio: la lozione capsico e mentolo, che mio padre ha lungamente aggiustato nel bilanciamento fra i due ingredienti provandola anche su di sé, e poi il dopobarba mallo di albicocche, il sapone da barba in crema all’olio di mandorla e il pennello in setola naturale di maiale, invece che di tasso. A questi abbiamo accostato alcuni prodotti nuovi. È il caso dei latte dopobarba, proposti per rispondere all’esigenza, colta dall’utenza del negozio online, di un dopobarba più leggero e adatto ai mesi estivi, che si assorba più velocemente. Abbiamo quindi modificato in tal senso la formula classica, lanciando questa novità in tre profumazioni: mandorla, legno di sandalo e tabacco verde. La scelta di determinati ingredienti e la specializzazione, per esempio per diversi tipi di capello, non è per noi questione di moda, ma nasce dalla lunghissima esperienza della barbieria e ha sempre una funzione precisa nella cura».

di E.Perani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here