Profumi estivi più cari? La causa è all’origine

perfume

Un comune trend che si può osservare negli scaffali di molti canali della GDO o nei negozi specializzati è l’aumento di prezzo di alcuni eau de toilette storici, così come molte aziende del settore cosmetico si trovano a dover fronteggiare rincari nelle quotazioni di numerose fragranze da utilizzare all’interno dei loro prodotti finiti, da un normale bagnoschiuma a un prodotto tecnico dell’ambito skin care.

L’origine di tale fenomeno è facilmente rintracciabile nel notevole aumento di costo di alcune delle materie prime di più comune utilizzo nella creazione delle fragranze per ragioni di diversa natura: difficoltà di approvvigionamento, lotte politiche tra i diversi fornitori, aumento dei costi della tecnologia estrattiva per alcuni specifici oli essenziali.

Questa situazione coinvolge, per esempio, il D-Limonene, nota agrumata ubiquitaria nelle composizioni del mondo personal-care, grazie al suo ottimo rapporto efficacia-costo che a fronte di un costo di incisione nella formula praticamente irrisorio garantisce un importante boost nella creazione in termini di freschezza e spinta che è alla base della diffusività. Recentemente il prodotto ha subito forti rincari, in alcuni casi arrivando a picchi importanti di circa due euro, che hanno portato molti responsabili di acquisto di diverse case essenziere a ri-negoziare i prezzi con i produttori o a cercare soluzioni alternative che potessero essere sostituti validi del D-Limonene stesso.

Una situazione analoga è vissuta da oli essenziali molto utilizzati nelle composizioni come l’assoluta vaniglia che è ormai arrivata a quotazioni fuori mercato, talmente impensabili da averne fortemente limitato l’utilizzo da parte dei profumieri di diverse realtà, come sta succedendo anche per l’olio essenziale di menta, sottoposto a variazioni di prezzo cicliche e difficilmente prevedibili, ma che ha raggiunto ormai prezzi molto difficili da fronteggiare, soprattutto considerando che l’utilizzo prevalente della menta è legato a profumazioni legate al mondo oral-care e a quello del personal care per il settore masstige, per definizione due settori dove il prezzo delle fragranze non può assolutamente raggiungere picchi importanti.

di L.Ilorini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here