Profumi solidi, un ritorno sugli scaffali italiani

profumo solido

Nell’immaginario collettivo i profumi sono ai giorni nostri visti e immaginati in forma liquida, destinati all’uso cosmetico come eau de toilette oppure per la deodorazione ambientale sia essa in forma di spray piuttosto che di diffusori ambiente a midollino, ma la tendenza in costante aumento per il prossimo inverno ci sorprenderà: i profumi solidi.

Non è una vera e propria novità perché ripercorrendo a ritroso la storia dell’umanità, fin dal tempo dei sumeri inscindibilmente connessa a quella dei profumi, e fermando il nastro sull’antica civiltà egizia e più nello specifico sulla magica figura della bellissima Cleopatra troviamo un uso smodato e quotidiano di profumi come unguenti, in forma quasi solida, che venivano utilizzati alla stregua di veri e propri cosmetici da applicare sui capelli e sulla cute per profumarla in maniera intensa.

Il vero e proprio boom dei profumi solidi si può registrare negli States, dove già da tempo ogni brand presenta il proprio profumo solido, che in Italia sono usciti fino a ora come limited editions nonostante i numerosi vantaggi di una soluzione di questo tipo, per esempio per quanto concerne la persistenza della profumazione sulla pelle che è stata dimostrata maggiore per i profumi solidi rispetto a un normale profumo liquido. In un epoca in cui la ricerca del concetto di ecosostenibilità è spesso spinta all’estremo una soluzione di questo genere aiuterebbe a ridurre gli sprechi in modo significativo, oltre al fatto che nella maggior parte dei casi il packaging può essere ri-utilizzato, senza dover rinunciare a confezioni vuote a cui però ci siamo legati e da cui siamo però costretti a separarci perché il prezioso liquido al loro interno è finito…Tra i brand più importanti che hanno già sfondato nel mercato con soluzioni di questo tipo è d’obbligo citare Paco Rabanne con il flacone color oro di Lady Million da tenere in borsetta o quello rosa classico e modaiolo del divino Daist di Marc Jacobs.

di Luca Ilorini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here