Good Girl Blush, la nuova fragranza di Carolina Herrera

Good Girl Blush, la nuova fragranza di Carolina Herrera

Carolina Herrera espande la propria iconica gamma di fragranze iper-femminili, Good Girl, con il lancio di Good Girl Blush.

Nel corso degli anni, all’originale profumo Good Girl, nato nel 2016 e diventato famoso anche per l’elegante flacone a forma di stiletto, si sono aggiunte ben otto varianti.

La piramide olfattiva di Good Girl Blush

La nuova fragranza della gamma, Good Girl Blush, è una composizione ambrata, floreale e fruttata.

Creato dal naso Quentin Bisch, insieme ai suoi colleghi Shyamala Maisondieu e Christophe Raynaud, il profumo si apre con note di testa di bergamotto e mandola amara, seguite da note floreali solari e sensuali di ylang ylang e peonia. Il fondo è infine caratterizzato da ricche e dolci note di vaniglia e fava tonka.

«In questa nuova edizione, abbiamo accentuato il côté sensuale, che nella fragranza originale era rappresentata dalla fava tonka, ma abbiamo mantenuto la femminilità del gelsomino», spiega Bisch, a proposito di Good Girl Blush, a vogue.it. «Da tempo avevo in testa una particolare associazione visiva, quella di un tacco a spillo e di un baccello di vaniglia, e questa mi è parsa l’occasione perfetta per tradurla in realtà, facendo della vaniglia l’elemento portante della nota di fondo, grazie alla sua affinità olfattiva con la fava tonka».

La nuova fragranza si discosta dall’originale in quanto decisamente più solare, soprattutto grazie alla presenza dell’ylang ylang: «L’ylang ylang infonde un tocco esotico all’originario gelsomino, di cui è una sorta di versione più narcotica e solare, con alcune note speziate che ricordano una spiaggia assolata», continua Bisch.

L’aspetto “polveroso” della fragranza, ossia quello che rimanda al blush, è stato, invece, ottenuto grazie a una speciale combinazione di note olfattive, incluse quelle di vanillina e di peonia.

In particolare, la vanillina è stata ottenuta grazie a un processo biotecnico eseguito sulla polvere di riso, mentre per ricreare la peonia il naso ha utilizzato una combinazione di acqua di rose riciclata e molecole sintetiche.

«Se si è capace di combinare questo tipo di ingredienti, è possibile creare un profumo naturale dai sentori floreali e farlo durare più a lungo sulla pelle. Le molecole sintetiche sono ingredienti incredibili, veri e propri gioielli della tecnologia», aggiunge Bisch.

Il flacone e la campagna pubblicitaria

Per quanto riguarda il flacone, anche il design dell’originale Good Girl è stato aggiornato per abbinarsi alla nuova fragranza.

L’iconico flacone a forma di décolleté, dal vertiginoso tacco a stiletto, è stato declinato in un delicato rosa pastello che, grazie al vigore della forma del flacone, assume una connotazione sensuale.

Il volto della fragranza è, ancora una volta, la top model Karlie Kloss. Nella campagna pubblicitaria, Kloss risplende in un abito rosa Carolina Herrera con maniche a sbuffo, incanalando l’audacia del power dressing anni ’80 e lo spirito stesso del nuovo profumo.