Oli essenziali naturali o ricostruiti?

Uno degli elementi indispensabili nella composizione dei profumi è rappresentato dagli oli essenziali naturali che insieme alle molecole di sintesi costituiscono le materie prime utilizzate nella realizzazione delle fragranze; sono di svariata natura attingendo a tutto il regno vegetale, fonte inesauribile grazie a radici, foglie, fiori e frutti che regalano prodotti in grado di coprire le diverse famiglie olfattive: dall’agrumato all’aromatico, dal fiorito al legnoso più puro. Per le case essenziere approvvigionarsi di oli essenziali non è sempre un’operazione scontata e tal volta ci possono essere problematiche legate alla reperibilità di alcuni di essi, a causa per esempio delle particolari condizioni climatiche di alcune annate che mettono a dura prova i raccolti, oppure per l’impennarsi dei costi di acquisto dovuta alla scarsa disponibilità dell’olio essenziale stesso.

Proprio per superare tale difficoltà è purtroppo diventata quasi una prassi quella di ricorrere all’adulterazione degli oli essenziali attraverso varie tecniche che solo un controllo qualità sofisticato e all’altezza può individuare con precisione: aggiunta di prodotti poco volatili e tagli degli oli con ricostruiti sintetici sono procedure purtroppo diffuse.

L’adulterazione del prodotto con solventi poco volatili permette di ottenere un olio essenziale che a un analisi GC potrebbe non presentare variazioni ma al tempo stesso saranno alterati i parametri di densità e indice di rifrazione che possono portare il controllo qualità a non approvare la merce; inoltre può capitare che in molti casi si tenti di andare a ‘ricostruire’ un olio essenziale miscelando costituenti dello steso in proporzioni noti, come accade per esempio con l’olio essenziale di lavanda che viene talvolta venduto come miscela di acetato linalile, linalolo canfora e altri terpeni quali-quantitativamente noti per replicare abbastanza fedelmente la composizione media che tale olio essenziale ha in natura nelle più pregiate aree di estrazione nel mondo.

di L.Ilorini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here