2019. L’anno della cosmesi vegan

The Economist ha nominato il 2019 “the year of the vegan”. Nell’ultimo mezzo secolo, il veganismo è stato una minoranza all’interno di una minoranza. Basta osservare che in negli Stati Uniti nel 2015, il 3,4% della popolazione era vegetariano e solo lo 0,4% era vegano. Oggi, secondo Gallup, il 5% della popolazione totale afferma di essere vegetariano e il 3% vegano, “un quarto degli americani dai 25 ai 34 anni afferma di essere vegano o vegetariano”. Il 2019 sarà l’anno in cui il veganismo diventerà mainstream. L’interesse per uno stile di vita in cui le persone evitano non solo carne, ma tutti i prodotti di origine animale, è in forte aumento, specialmente tra i millennial. Il veganismo è uno stile di vita fiorente e un numero crescente di persone lo sta abbracciando, al punto che sta trascendendo anche in altre aree della vita.

Man mano che i consumatori si preoccupano maggiormente del proprio stile di vita, diventano sempre più consapevoli degli ingredienti e dei metodi di produzione alla base dei loro prodotti preferiti. I consumatori di oggi sono ben informati e hanno una vasta gamma di prodotti tra cui scegliere e molte informazioni a portata di mano quando decidono cosa acquistare. L’industria della bellezza ha risentito degli effetti di questo movimento negli ultimi anni, poiché i consumatori più attenti all’ambiente cercano scelte sostenibili ed etiche. Da ciò discende l’importanza per le aziende di andare incontro alle richieste di questi consumatori. Secondo il rapporto dell’Economist, “Dove vanno i millennial, seguono imprese e governi”. E sono i millennial che guidano distintamente la carica verso uno stile di vita senza prodotti che contengono derivati animali, seguiti da vicino dalle loro controparti in rapida crescita, Gen Z. Il consumismo etico sta dando impulso alla domanda di cosmetici vegani.

Tuttavia, molti produttori di cosmetici appongono “vegan” sulla confezione del prodotto. Per il consumatore attento, può essere difficile analizzare i molti ingredienti dell’INCI, questo può essere fuorviante. Gli ingredienti non vegani più comuni a cui prestare attenzione includono: lanolina, squalene, gommalacca e glicerina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here