Commissione direttiva allargata del Gruppo Cosmetici Profumeria

Al centro dell’incontro, lo scenario del canale selettivo nelle fasi di emergenza e post-emergenza

Si è tenuta, in modalità webinar, la riunione della Commissione Direttiva del Gruppo Cosmetici in Profumeria di Cosmetica Italia, la cui partecipazione è stata allargata agli esponenti della stampa specializzata e della filiera produttiva.

«Visto il particolare momento – ha commentato Luca Catalano, Presidente del Gruppo – sia per il canale della profumeria, sia per l’economia in generale, abbiamo voluto allargare il nostro incontro a tutta la filiera e agli stakeholder: dai distributori, ai retailer, alle testate di settore. Questo perché riteniamo che in uno scenario come quello attuale, sia fondamentale la condivisione: delle informazioni e dei dati, ma anche dei punti di vista e delle considerazioni».

L’appuntamento è stato l’occasione per fare il punto sulla situazione del canale alla luce dell’importante impatto della pandemia, che ha causato la chiusura prolungata di numerosi punti vendita, con uno spostamento degli acquisti di prodotti cosmetici a favore di altri canali, in particolare la farmacia, che ha superato il selettivo, guadagnando il secondo posto nella ripartizione del mercato, dopo la grande distribuzione.

Secondo l’Indagine Congiunturale, presentata dal Centro Studi di Cosmetica Italia lo scorso 29 settembre, infatti, la profumeria ha registrato una contrazione di 38 punti percentuali nel primo semestre del 2020. La previsione per la seconda parte dell’anno, con una perdita più moderata, fa intravedere i segni di una cauta ripresa, anche se non è possibile ipotizzare un ritorno ai livelli pre-crisi in breve tempo.

«Le rilevazioni che abbiamo elaborato nei mesi a cavallo dell’emergenza sanitaria – ha spiegato Gian Andrea Positano, Responsabile Centro Studi e Cultura d’Impresa di Cosmetica Italia – hanno messo in luce la radicale difficoltà che il canale selettivo ha incontrato. Secondo le stime, a fine anno si registrerà un calo del 24% rispetto al 2019. Ci sono, tuttavia, alcuni elementi che consentono di fare anche proiezioni moderatamente ottimistiche, come le azioni promozionali attivate dalle imprese che sostengono il canale in maniera evidente. Inoltre l’autunno, stagione di nuovi lanci, sarà un momento chiave per la verifica della ripresa del mercato».

L’incontro ha ospitato anche l’intervento di Massimo Zonca, Amministratore Unico di Beauty 3.0, che ha illustrato la case history legata all’insegna La Beautic, e la presentazione delle rilevazioni di The NPD Group, a cura della Beauty Executive Director, Sylvie Cagnoni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here