Halal, dal Brasile all’Arabia

Biozer, produttore cosmetico brasiliano, ha ottenuto la certificazione Halal per la sua gamma di prodotti con marchio Simbioze Amazônica e sta per iniziare la spedizione nei paesi arabi. Biozer è stata fondata 13 anni fa da Carlos Cleomire de Souze Pinheiro come azienda cosmetica, di fitofarmaci e alimenti funzionali, utilizzando composti bioattivi provenienti dall’Amazzonia per produrre la sua vasta gamma di prodotti. Tre anni fa, il coinvolgimento dell’azienda in un incubatore di startup l’ha portata ad abbracciare la tendenza al naturale e vegana. Attualmente, il marchio dispone di un portafoglio con 14 prodotti, tutti con la certificazione Halal, include una linea di cinque maschere a base di argilla e nove oli essenziali, tutti fabbricati con piante e materiali di origine biologica della regione amazzonica. La gamma di prodotti comprende oli a base di copaiba, noci di brasile e andiroba, maschere per il viso e per il corpo a base di cupuaçu, açaí e guaraná. L’azienda afferma che tutti gli ingredienti sono dotati di totale tracciabilità e che sono utilizzati metodi agricoli che garantiscono la sostenibilità della vita vegetale e delle colture future.

L’azienda si è concentrata in primis sulla crescita della propria presenza nel mercato nazionale del Brasile, ora ha deciso di incrementare la propria presenza internazionale rivolgendosi ai mercati della penisola arabica. Essa ritiene che mercati come Dubai, che ha un enorme mercato domestico di cosmetici, nonché uno dei più grandi mercati duty free del mondo, dovrebbe rivelarsi un obiettivo ideale. “Siamo consapevoli che è necessario disporre di un ottimo prodotto per entrare a Dubai. Ecco perché abbiamo ottenuto la certificazione halal”, ha dichiarato il direttore operativo del marchio, Domingos Amaral Neto. L’azienda ha affermato che ha avviato le procedure per ottenere le licenze per l’esportazione in Europa, mentre il processo è nelle ultime fasi per il mercato statunitense, dove le esportazioni dovrebbero iniziare nei prossimi due mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here