L’olio d’oliva inibisce i segni dell’invecchiamento indotti da stress cronico?

Il danno ossidativo indotto dallo stress cronico e la sintesi della proteasi causano una perdita di componenti della matrice extracellulare, che promuove l’invecchiamento cutaneo umano. La somministrazione di composti antiossidanti, come quelli osservati nell’olio di oliva, può attenuare i segni dell’invecchiamento indotti dallo stress nella pelle umana.

Lo scopo dello studio

Era di valutare l’effetto della somministrazione di olio d’oliva sulla pelle umana stressata ex vivo. Gli espianti di pelle umana sono stati trattati con alti livelli di epinefrina (come osservato nei pazienti stressati) e olio d’oliva in media per 13 giorni. Le culture trattate con solo mezzo sono state utilizzate come controlli.

L’olio d’oliva ha invertito l’elevata riduzione indotta dal livello di epinefrina nell’epidermide e nello spessore del derma e nel contenuto di fibre di collagene nella pelle umana ex vivo. L’aumento della produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e di livelli di malondialdeide (un indice di perossidazione lipidica) promosso da alti livelli di epinefrina è stato attenuato dall’olio di oliva nella pelle umana ex vivo.

Inoltre, l’olio d’oliva è stato in grado di invertire l’elevato aumento, indotto dal livello di adrenalina, nella chinasi del segnale extracellulare 1/2 (ERK 1/2) e c-JUN (un componente principale del fattore di trascrizione AP-1) e la loro fosforilazione, nonché l’espressione di metalloproteinasi -2 (MMP-2) nella pelle umana ex vivo.

L’olio d’oliva attenua i segni dell’invecchiamento indotti dallo stress (derma più sottile e perdita di fibre di collagene) nella pelle umana ex vivo, riducendo l’espressione di MMP-2, la produzione di ROS e la fosforilazione di ERK 1/2 e c-JUN.

International journal of  cosmetic science (2019)

di C. Lacapra e S. Rum

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here