Come consumatori, esponiamo noi stessi continuamente a sostanze chimiche attraverso l’utilizzo di una vasta gamma di prodotti per la cura personale. Molti di questi prodotti sono utilizzati su base giornaliera e in modi diversi.

In tal modo, si assume che i prodotti pensati per migliorare la nostra igiene personale e l’aspetto non danneggiano la nostra salute. Ingredienti cosmetici come conservanti, coloranti, colori dei capelli, filtri UV, profumi e nanomateriali sono specificamente controllati ai sensi del regolamento cosmetici in Europa.

A partire dagli anni Sessanta, un comitato indipendente di esperti – il Comitato Scientifico della Sicurezza dei Consumatori (CSSC) ha affiancato la Commissione europea sulla sicurezza degli ingredienti cosmetici per supportare decisioni normative sulla necessità che un ingrediente chimico dovesse essere consentito o meno nei prodotti cosmetici, e in quali condizioni di utilizzo. La nostra pelle è la più grande superficie esposta del corpo che ci protegge, agendo come una barriera efficace contro i germi, particelle ecc.

La pelle, tuttavia, non è sempre una buona barriera contro sostanze chimiche, alcune delle quali possono in una certa misura, non solo rimanere sulla pelle, ma essere assorbite nell’organismo. Sostanze chimiche possono anche trovare la loro strada nell’organismo attraverso la bocca o i polmoni, attraverso prodotti per l’igiene orale o prodotti per le labbra, o attraverso alcuni prodotti spray e aerosol.

Il processo di valutazione della sicurezza cosmetica è molto accurato e tiene conto d’informazioni dettagliate sulle proprietà fisiche e chimiche di un ingrediente, il suo potenziale di causare effetti nocivi, e l’esposizione dei consumatori a tali prodotti.

La valutazione mira in particolare a escludere qualsiasi rischio per la sicurezza da sostanze chimiche pericolose che possono essere CMR (cancerogene, mutagene o tossine riproduttive), o può rimanere e accumularsi nell’organismo nel corso del tempo.

Nanomateriali (particelle insolubili o bio-persistente scala da 1 a 100 nanometri) possono provocare diversi effetti dannosi rispetto alle forme non in nanoscala delle sostanze chimiche. Il processo di valutazione della sicurezza assicura anche che un ingrediente chimico è sufficientemente puro e non contiene impurità inaccettabili, che potrebbero essere dannosi per la salute dei consumatori. Si presta anche particolare attenzione a determinati gruppi di popolazione che possono essere più vulnerabili – come i neonati, i bambini e le donne in gravidanza, o quelli che possono essere più esposti a sostanze chimiche cosmetiche tramite la loro occupazione, come per esempio il personale dei saloni di bellezza e i parrucchieri.

di G. Chiricosta e F. Legrenzi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here