Bioplastiche per il futuro

Gli Stati Uniti generano ogni anno sette milioni di tonnellate di fanghi di depurazione, sufficienti per riempire 2.500 piscine olimpioniche: mentre una parte di questi rifiuti viene riutilizzata per letame e altre applicazioni sul terreno, una quantità sostanziale viene ancora smaltita in discarica. In un nuovo studio, i ricercatori della Texas A&M University hanno scoperto un modo efficiente per utilizzare i fanghi avanzati per produrre plastica biodegradabile e materiale di confezionamento per i packaging cosmetici del futuro.

Nel numero di settembre della rivista Omega American Chemical Society (ACS), i ricercatori riferiscono che il batterio Zobellella denitrificans ZD1, che si trova nelle mangrovie, può consumare fanghi e acque reflue per produrre poliidrossibutirrato, un tipo di biopolimero che può essere utilizzato al posto del petrolio a base di plastica: oltre a ridurre l’onere per le discariche e l’ambiente, i ricercatori hanno affermato che Zobellella denitrificans ZD1 offre un modo per ridurre i costi a monte per la produzione di bioplastiche, un passo avanti per renderle più competitive rispetto alla plastica normale.

“Il prezzo delle materie prime per coltivare batteri produttori di biopolimeri rappresenta il 25-45% del costo di produzione totale per la realizzazione di bioplastiche. Certamente, questo costo può essere notevolmente ridotto se possiamo attingere a una risorsa alternativa che è più economica e facilmente ottenibile, “Ha affermato Kung-Hui (Bella) Chu, professore presso il Dipartimento di ingegneria civile e ambientale di Zachry.” Abbiamo dimostrato un modo potenziale per utilizzare i fanghi attivati dalle acque reflue urbane e le acque reflue industriali dell’agricoltura e dell’acquacoltura per produrre plastica biodegradabile. Inoltre, il ceppo batterico non richiede elaborati processi di sterilizzazione per prevenire la contaminazione da altri microbi, riducendo ulteriormente i costi operativi e di produzione delle bioplastiche. “

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here