Epigallocatechina gallato dal tè verde: proprietà biofisiche per uso in dermatologia

Lo scopo di questa recensione è stato quello di esaminare l’epigallocatechina-3-gallato (EGCG), per quanto riguarda la sua stabilità in diverse condizioni (pH, concentrazione, temperatura), le sue interazioni con altri ingredienti cosmetici comuni e la sua applicazione in campo dermatologico.

La ricerca in letteratura ha considerato diversi articoli pubblicati su riviste (comprendenti studi clinici e recensioni scientifiche); e gli studi sono stati identificati mediante la ricerca con database elettronici (MEDLINE e PubMed) e liste di riferimento dei rispettivi articoli. Concentrazioni maggiormente elevate di EGCG sono state riportate in correlazione con una migliore stabilità, e lo stesso si può dire per basse temperature e valori di pH.

Per quanto riguarda le interazioni è emerso che l’interazione tra EGCG e acido ialuronico rafforza le sue attività antiossidanti, mentre il biossido di titanio rivestito con EGCG si è dimostrato un ingrediente adatto per l’utilizzo nei filtri solari.

Il polifenolo in esame possiede proprietà antiossidanti, che si sono dimostrate efficaci nella prevenzione del danno cutaneo indotto dai raggi UV e per alleviare i sintomi della psoriasi indotta da “Imiquimod”.

I tre punti finali della presente recensione non solo hanno mostrato risultati interessanti, ma hanno anche messo in evidenza alcune limitazioni dell’EGCG; infatti, gli studi dimostrano che la molecola è instabile, il che può ostacolare le sue applicazioni dermatologiche e cosmetiche.

Le interazioni riportate con ingredienti cosmetici sono risultate limitate. Poiché gli aspetti sanitari dell’EGCG sono ben segnalati, questa molecola è diventata di interesse per gli operatori sanitari che cercano di trattare le comuni malattie dermatologiche.

Phytother Res, Mar 18 (2020)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here