Sensibilizzazione cutanea e cellule dendritiche

Al momento i test riconosciuti dall’OCSE per valutare il rischio di sensibilizzazione cutanea delle sostanze capaci di attivare le cellule dendritiche utilizzano tutti il siero bovino fetale (FBS) come medium di cultura, un metodo che implica il coinvolgimento di animali e che risulta essere svantaggioso dal punto di vista tecnico.

Un team di ricerca ha cercato di eliminare l’uso del FBS nel h-CLAT test. In particolare i ricercatori hanno cercato di adattare le cellule THP-1 a 4 media differenti: i risultati migliori sono stati ottenuti con un adattamento graduale al medium RPMI-1640 con un supplemento di HL-1™ e al medium X-VIVO™ 10. In particolare, usando le le cellule TPH-1 adattate a questo secondo medium i ricercatori sono riusciti a identificare correttamente le sostanze potenzialmente sensibilizzanti partendo da 10 sostanze note. Ciò suggerisce che eliminare il siero bovino fetale è possibile.

Bianca Marigliani, Josemar Vinícius Maiworm Abreu Silva, Luciene Bottentuit López Balottin, Karina Ribeiro Silva, Leandra Santos Baptista, Claudia Barbosa Ladeira de Campos, Elisabeth de Fatima Pires Augusto. Adaptation of a skin sensitization assay to a chemically defined culture. Toxicology in Vitro, Volume 57, 2019, Pages 145-153. Doi: https://doi.org/10.1016/j.tiv.2018.12.004.

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0887233318304107

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here