Sensibilizzazione cutanea indotta dalle fragranze nei cosmetici

Molte sostanze chimiche utilizzate a scopo di fragranza in una varietà di prodotti hanno un potenziale allergenico. Sulla base di tali preoccupazioni, i gruppi industriali hanno sviluppato limiti di concentrazione per l’uso di sostanze chimiche profumate nei prodotti per la cura della persona e nei prodotti cosmetici.

Lo scopo di questo studio era di utilizzare una valutazione quantitativa del rischio per valutare il potenziale per l’induzione della sensibilizzazione cutanea derivante dall’esposizione giornaliera a sostanze chimiche profumate presenti nell’assistenza personale e nei prodotti cosmetici.

I livelli di esposizione dermica del consumatore specifici del prodotto sono stati calcolati sulla base dei dati sull’uso del prodotto in femmine statunitensi e confrontati con quantità di esposizione accettabili basati su livelli di induzione di sensibilizzazione non previsti, per determinare un margine di sicurezza per ciascuna fragranza in esame.

I risultati dimostrano un aumento del rischio di induzione della sensibilizzazione cutanea per diversi prodotti leave-on (rossetto, antitraspirante solido, ombretto, crema per il viso) per la maggior parte delle sostanze chimiche profumate valutate, in particolare in scenari di esposizione ad alto utilizzo. Al contrario, i prodotti da risciacquo (shampoo, balsamo, detergente viso) non erano associati al rischio di induzione di sensibilizzazione cutanea. Poiché l’approccio era basato sui limiti di utilizzo massimo per le sostanze chimiche delle fragranze con problemi di sensibilizzazione della pelle, i risultati suggeriscono che questi limiti potrebbero non essere protettivi, in particolare negli Stati Uniti.
Dermatitis. 2018 Nov/Dec;29(6):324-331. doi: 10.1097/DER.0000000000000412.

di S.Rum e C. Lacapra

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here