Vocazione ecologica

Dal prodotto, all’approvvigionamento, alla struttura dello stabilimento: la sostenibilità come concetto da estendere a tutto tondo.
Nell’area della cosmesi orientata al naturale, oggi affollata di attori pronti a intercettare una propensione dei consumatori che si conferma da anni senza flessioni, una azienda come Witt Italia è stata antesignana di un certo tipo di prodotti e di valori. Fin dalla sua fondazione, negli anni ‘70, infatti, propone prodotti per la detergenza domestica e per la cura della persona di derivazione naturale e connotati come «ecologici», allora come oggi rivolti al canale diretto. Prospettive e sfide per questa storica azienda a colloquio con Aristide Artusio, che ne è presidente dal 2001 e che ne ha guidato l’espansione sia per linee interne, con ampliamenti di offerta e creazione di nuovi marchi di cosmesi professionale, d’alta gamma e di prodotti pet care, sia per linee esterne con l’acquisizione del marchio Erboristeria Magentina, di area farmaceutico-erboristica, a suggellare per Witt Italia Group una diversificazione verso i canali specializzati che mantiene identica la filosofia di prodotto naturale e realizzato in Italia.

Aristide Artusio.
Aristide Artusio.

Oggi il mercato del cosmetico naturale si è molto ampliato, come si profila la vostra offerta?
Witt Italia si distingue per la qualità dei prodotti, tanto che chi li utilizza non li abbandona. Siamo partiti facendo ecologia domestica e proponendo detersivi ecologici, un tipo di prodotto su cui vigeva il pregiudizio che non potesse raggiungere le performance dei detergenti convenzionali. Era quindi necessario spiegare bene il prodotto e il suo valore aggiunto di non contribuire all’inquinamento, a parità di efficacia. Anche i cosmetici, a base di materie prime di origine naturale e completamente sviluppati e prodotti nel nostro stabilimento, richiedono uno sforzo nella comunicazione, un aspetto che continua a rappresentare uno dei nostri punti di forza. Come azienda della vendita diretta curiamo molto il rapporto umano, quel contatto personale che si è quasi completamente perduto in altri canali e che invece è molto importante per i consumatori e molto apprezzato.

L’ecologia domestica è il tema che da sempre vi caratterizza: c’è sinergia fra il prodotto per la casa ecologico e il cosmetico naturale, a livello di comunicazione?
Nella rete di 5000 addetti che sul territorio nazionale presentano i nostri prodotti, 1500 sono «consulenti di ecologia domestica», un marchio che abbiamo registrato. Esiste una grande sinergia nella presentazione dei nostri diversi prodotti. Questo perché un consumatore attento all’ecologia lo è in tutti gli aspetti della quotidianità: una donna che privilegia prodotti per la casa o per il bucato rispettosi dell’ambiente e della persona è ricettiva anche nei confronti di cosmetici privi di sostanze di sintesi e che rispettano la pelle. Un’attenzione a 360° dimostrata anche dal successo della nostra linea per cani, gatti e cavalli, per il benessere e l’igiene degli animali domestici.

WittA quali aree si rivolge la vostra ricerca, considerando i cosmetici?
Siamo sempre attenti a quanto succede sul mercato, anche in altre parti del mondo e a guardare sempre un po’ oltre. Il reparto ricerca e sviluppo è in grado di lavorare con 3-5 anni di anticipo rispetto ai lanci. Siamo attenti a tutto quanto propone il mondo delle materie prime naturali, affiancando le novità a ingredienti basilari per l’efficacia cosmetica come l’aloe, l’argan, la rosa mosqueta. La ricerca è anche rivolta alla sostenibilità dell’approvvigionamento e alla qualità delle materie prime. Un esempio è proprio l’argan, che acquistiamo in Marocco, presso una cooperativa di donne che ricavano il proprio reddito dalla lavorazione di questo olio. Acquistiamo l’intero raccolto dell’anno ma lo facciamo lavorare e spedire mese per mese per averlo sempre fresco. Inoltre, richiediamo una particolare lavorazione finalizzata a stabilizzarlo al meglio ed evitare il suo irrancidimento. Acquistiamo materie prime anche in Italia, come la propoli, di cui ci riforniamo interamente nel Parco del Pollino.

WittConsiderando l’impegno per la sostenibilità, quali aspetti curate nel sito produttivo?
Lo stabilimento è completamente orientato al risparmio energetico, grazie a macchinari altamente efficienti per minimizzare l’impiego di energia, che è in larga misura autoprodotta mediante impianto fotovoltaico e proveniente da fonti rinnovabili per la parte approvvigionata. Inoltre, il tetto dello stabilimento è un giardino pensile: il suolo che abbiamo sottratto per costruirlo è stato infatti compensato creando il giardino di piante aromatiche, che allieta dipendenti e ospiti. A fianco dell’area destinata alla produzione, inoltre, abbiamo realizzato un piccolo asilo nido, che accoglie bambini da 0 a 36 mesi, sia figli dei dipendenti sia esterni. È costruito secondo criteri di bioarchitettura, con materiali ecologici, compresa la tempera per i muri, gli arredi, i futon per il riposo. I giocattoli sono in legno e l’offerta educativa ricca di stimoli: musica, giochi in giardino, pet therapy. La mensa è a base di prodotti biologici e a chilometro zero; c’è la cucina interna, con la cuoca che prepara i pasti ai bambini sotto i loro occhi, come la mamma a casa.

Come curate la formazione delle vostre consulenti?
Le nuove consulenti partono da un corso presso la nostra sede; la loro formazione è completata dalle capozona a livello locale, che affiancano le nuove leve. Per le capozona organizziamo 3-4 momenti di formazione all’anno, che comprendono sia il training tecnico da parte del personale della R&D sia momenti dedicati alle tecniche di presentazione e training motivazionale. Questa parte è curata da una equipe di psicologi che da due anni è guidata dal professor Vercelli, un punto di riferimento nel mondo dello sport e responsabile dell’area psicologica della Juventus, che lavora sia con il nostro team psicologico sia direttamente con le nostre capozona.

Con Erboristeria Magentina avete allargato alla farmacia e al canale erboristico: con quali aspettative?
È un’azienda che abbiamo acquisito perché già molto vicina alla filosofia Witt, che offre prodotti cosmetici e presidi di supporto alla salute e al benessere, come gli oli per massaggio, le pomate all’arnica e all’artiglio del diavolo. Ne abbiamo attualizzato i prodotti e ampliato le linee. Crediamo molto nei canali specializzati. Oggi l’erboristeria è in rallentamento e probabilmente vedremo una selezione dei punti vendita che premierà quelli presidiati da erboristi esperti, capaci di seguire e consigliare i clienti, ma anche di selezionare i prodotti davvero coerenti con il canale. Sono molti, infatti, i prodotti a basso prezzo ma non all’altezza e molti esercizi si sono fatti allettare. Solo chi fa una scelta di qualità, tuttavia, riesce a mantenersi in questo mercato, in cui l’erboristeria ha ormai vari canali concorrenti. Fra questi, la parafarmacia sta strutturando la propria offerta proprio sulla parte erboristica e della cura della persona.

I prodotti di Erboristeria Magentina vi stanno portando all’estero: in quali mercati?
Abbiamo avuto richieste da Germania, Inghilterra e Iran. Per la Germania abbiamo attivato un sito di e-commerce, che verrà gestito da un partner locale. Negli altri paesi, invece, le richieste arrivano da alcuni punti vendita. La nostra idea è un’espansione all’estero per piccoli passi, scegliendo di volta in volta il canale più opportuno in ciascun mercato, che riguarda Erboristeria Magentina, mentre Witt rimarrà legata al mercato italiano, in cui abbiamo ancora ampio margine di crescita.

VENDITA DIRETTA E SHOW ROOM PER UN APPROCCIO INTEGRATO
Da alcuni anni Witt Italia ha avviato propri show room sul territorio nazionale: «sono 11 in Italia e abbiamo in programma di inaugurarne altri 4, di cui uno a Roma –spiega il presidente Aristide Artusio. -Il senso dello show room non è solo portare la visibilità del prodotto a livello strada, ma soprattutto supportare le nostre consulenti, che possono trovare e provare, in queste sedi, tutti i prodotti e disporre delle spiegazioni necessarie grazie al personale presente, di solito le nostre capozona. È in pratica un punto di rappresentanza dell’azienda sul territorio, una porta sul mondo Witt, in cui partecipare anche a corsi e a eventi, che sono aperti anche al pubblico: come gestire la casa in modo ecologico, come usare in cucina gli oli essenziali Witt, i consigli sulle modalità di utilizzo dei cosmetici ecc.»

di E.Perani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here